vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
Vai alla Home testata 11

Collezione Luigi Albrighi

Il fondo è composto da 1.719 fotografie e più di 70 documenti (soprattutto perizie) appartenute all'antiquario Luigi Albrighi. I fototipi, databili entro gli anni Settanta del Novecento, sono stampe alla gelatina ai sali d'argento e, in misura minore, albumine; poche sono le foto a colori (diacolor e stampe a sviluppo cromogeno) e le stampe fotomeccaniche (collotipi, fotoincisioni, stampe in tricromia e quadricromia).
Le foto incluse nel fondo, suddivise nelle serie Falsi, Pittura, Grafica, Scultura, Arti decorative e Perizie, documentano le aree di interesse dell'antiquario, relative prevalentemente all'arte medievale e del primo Rinascimento.

STRUTTURA DEL FONDO clicca su per espandere o ridurre e su per il numero di materiali catalogati

DESCRIZIONE

 vedi di meno
collezione personale
1.738
tematico
Albrighi, Luigi
Nato a Milano nel 1896, Luigi Albrighi abbandonò la professione di avvocato per divenire mercante d'arte a Firenze intorno al 1920. Nella città toscana rimase attivo fino alla morte, nel 1979, specializzandosi nel commercio di opere medievali e del primo Rinascimento. La sua galleria è documentata dal 1961 in Palazzo Fossombroni.
Nel 1930 vendette a Lord Arthur Hamilton Lee la botticelliana "Madonna del velo" oggi al Courtauld Institute of Art di Londra. L'opera venne riconosciuta negli anni Cinquanta come falso novecentesco eseguito dal pittore senese Umberto Giunti (1886-1970).
A Firenze Albrighi entrò in contatto con l'antiquario Eugenio Ventura (1887-1949) e con la figlia Paola, con i quali instaurò un duraturo rapporto professionale.
Le fotografie e i documenti contenuti nel fondo, suddivisi tematicamente, erano con ogni probabilità parte di un archivio utilizzato da Albrighi a supporto della sua attività di antiquario, dove le foto non servivano solo a documentare opere passate presso la proprio galleria, ma anche a fornire utili confronti visivi.
Il fondo è stata donato alla Fondazione Zeri nel 2013, dall'antiquario, collezionista e studioso di ceroplastica Andrea Daninos per il tramite di Anna Ottani Cavina. Daninos ne entrò in possesso grazie a Paola Ventura, figlia dell'antiquario Eugenio Ventura, con la quale Albrighi aveva instaurato un lungo sodalizio professionale.
1920 - 1979
donazione ( 2015 ) 
mediocre
Il nucleo dei Falsi è stato oggetto di uno studio condotto nell'ambito delle giornate di studio "Lo specchio della realtà. I falsi e la storia dell'arte" (Fondazione Federico Zeri, 23-24 ottobre 2013).
  • Monica Cavicchi, Falsi di primo Novecento nell'archivio di Luigi Albrighi, in "Il falso, specchio della realtà", a cura di Anna Ottani Cavina e Mauro Natale, Torino 2017, pp. 199-225.

INTERVENTI E ACCESSIBILITÀ

 vedi di meno
Nel 2010 lo storico dell'arte Luciano Bellosi ha estrapolato dalle fotografie di pittura e scultura le riproduzioni di falsi, creando dunque una partizione ulteriore denominata 'Falsi'.
Nel 2013, all'arrivo in Fondazione Zeri, i materiali fotografici sono stati conteggiati, inventariati e riposti in nuovi contenitori. Dato il mediocre stato di conservazione, le fotografie sono state esaminate dal restauratore che ha valutato l’entità dei danni meccanici e fisici e redatto una breve relazione per ciascun contenitore.
Più di recente il fondo è stato oggetto di un intervento di studio, ulteriore riordino e descrizione archivistica fino al livello del fascicolo il cui esito è confluito in 'Esplora i fondi'. E' stato effettuato un test di catalogazione puntuale limitato a un'unica cartella ('Perizie 2'), per un totale di 14 schede.
Il fondo è consultabile su appuntamento dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 18, presso la sede della Fondazione. Per richiedere un appuntamento scrivere a fondazionezeri.fototeca@unibo.it

FOTOGRAFI PRINCIPALI

 vedi di meno

SOGGETTI PRINCIPALI

 vedi di meno

FOTO CATALOGATE

mostra tutti ›

ALLEGATI CATALOGATI

mostra tutti ›